GIOVEDÌ 17 OTTOBRE 2019
   
Per la gloria dell'Arcangelo
Le collezioni del Museo devozionale della Basilica di San Michele
EUR 62,00
acquista libro

campagna fotografica di
Mimmo Attademo


Con la pubblicazione di questo Catalogo del Museo Devozionale, e di quello gemello, dedicato al Lapidario, si conclude la ormai pluriennale vicenda del progetto “Culto di S. Michele sul Gargano tra religiosità e vita quotidiana attraverso i secoli. Valorizzazione e fruizione del patrimonio storico-religioso-monumentale e documentario in dimensione europea”, ideato da Giorgio Otranto, Direttore del Centro Studi Micaelici e Garganici, sede distaccata del Dipartimento di Studi Classici e Cristiani dell’Università di Bari e attuato in stretta collaborazione con la Comunità Montana del Gargano e la Basilica Santuario di S. Michele Arcangelo. Tappa fondamentale e ormai storicizzata, la mostra documentaria “l’Angelo, la Montagna, il Pellegrino” con relativi libro catalogo e Guida breve (Foggia 1999), concepita come itinerante ed esposta inizialmente a Monte Sant’Angelo, quindi trasferita a Roma, a Bari, a Foggia per approdare infine, in collaborazione con l’Ecole Française de Rome, nel santuario del Mont-Saint-Michel in Normandia. Destinazione finale, il Museo Tancredi di Monte Sant’Angelo, alla cui valorizzazione il progetto era sin dall’inizio destinato.
Alla valorizzazione del Santuario è invece dedicato questo Catalogo che riguarda il ricco patrimonio di oggetti, alcuni preziosi altri meno, comunque legati al fenomeno della ‘devozione’, accumulati e gelosamente conservati, nei limiti del possibile, da tutti coloro cui è stata affidata, nel tempo, la custodia del sacro complesso.
I limiti cui si accenna sono rappresentati dagli eventi storici, dai mutamenti di sensibilità e di cultura, dalle diverse forze religiose, politiche e sociali che via via si sono succedute al potere, esercitando una azione non sempre positiva nei confronti di tale patrimonio, volta a volta trascurato, dimenticato o, all’opposto, fatto oggetto di sottrazioni interessate o di vere e proprie azioni di rapina e di saccheggio.
Queste alterne fortune sono in stretta relazione con la diversa natura dei materiali qui raggruppati sotto il segno della ‘devozione’. Si va dagli arredi in oro e argento pertinenti al Tesoro, ai paramenti sacri, a vere e proprie collezioni di ceramiche, di monete, di ‘icone’, pittoriche e plastiche, alla nutritissima famiglia degli ex voto, alla produzione popolare di oggetti e immagini di soggetto micaelico. Un insieme senz’altro eterogeneo, di livello molto ineguale sotto il profilo storico, estetico o comunque qualitativo, che trova il suo momento unificante nell’ atto del dono all’Arcangelo e al suo Santuario, testimoniato da scritte, stemmi, sigilli, firme, attestazioni di gratitudine solenni o umilissime.

dalla presentazione di Pina Belli D’Elia
Dettagli
Formato: cm 22x24
Pagine: 330
Illustrazioni: 273 a colori, 25 in bianco e nero
ISBN: 88-8431-053-9
Anno di pubblicazione: 2001

Argomenti:  Arte storia architettura    

Facebook Twitter
 
Il Carrello è Vuoto.