MERCOLEDÌ 24 APRILE 2019
   
Giargianese. Poesia in altre lingue
109 versioni in dialetto apulo garganico
EUR 18,00
acquista libro

Giargianese, “lingua astrusa”. Ma quale? Il lombardo del “vigevanese” compratore di uva e mosto? l’inglese, il francese, lo spagnolo, il tedesco? l’umbro di Jacopone, l’italiano, i suoi dialetti dal Nord al Sud (salentino ggiaggianisi “settentrionale”; apulo ggiargianàise o ggiargianèise “incomprensibile, straniero”; milanese giargianese, sinonimo di terun, “meridionale”, propriamente “meridionale pugliese”), il dialetto in cui traduco?
Tra Goethe che vuole innanzitutto salvo il nocciolo del contenuto ed Ezra Pound che riscrive i trovatori di Provenza mirando ai suoni, la poesia resta intraducibile. Tanto più se si tratta di culture lontane. Se poi il travaso è da una lingua a un dialetto (quello garganico di Mattinata non è migliore degli altri), l’impresa è addirittura disperata.
Queste versioni (1982-2006), più che per cimento di rima, sono nate dall’ansia di “sentire” fino a che punto il dialetto, questa lingua monca - povera ed essenziale - possa in forza di metafora farsi portatrice di culture altre dal suo ristretto mondo contadino-pastorale, fino a che punto possa allargare i suoi orizzonti senza snaturarsi. Cionondimeno, potrebbero configurarsi come l’appropriazione da parte della Capitanata di frammenti della letteratura nazionale e internazionale. In ogni caso contribuiscono tanto a riconsiderare la dignità letteraria della parlata pugliese, quanto ad accostarci maggiormente alla poesia di ogni tempo e luogo.

Nel cd allegato 76 testi dialettali letti da Granatiero
con due relazioni presentate al Convegno internazionale di Trieste-Pécs
“Il dialetto come lingua della poesia” (Trieste 28-29 sett. 2006)
Dettagli
Formato: cm 16,5x23,5
Pagine: 80
ISBN: 978-88-8431-206-8
Anno di pubblicazione: 2006

Argomenti:  Dialetto e memoria    

Facebook Twitter
 
Il Carrello è Vuoto.