VENERDÌ 21 GIUGNO 2019
   
La Capitanata nel Primo Dopoguerra
Biennio rosso e nascita dei Fasci di Combattimento
EUR 18,00
acquista libro

All’indomani del primo conflitto mondiale la Capitanata visse una stagione di lotte politiche e sociali drammatica, una guerra civile non dichiarata che fece decine di vittime. Alla crescita socialista nel “biennio rosso” seguì la nascita di un aggressivo fascismo che agì con la complicità di parte degli apparati dello Stato. Sullo sfondo i problemi di una Capitanata povera di infrastrutture e bisognosa di modernizzazione.
Fra i protagonisti di queste vicende uomini come Antonio Salandra, Giuseppe Di Vittorio e Domenico Fioritto noti alla storiografia nazionale; i parlamentari socialisti Leone Mucci, Michele Maitilasso e Domenico Maiolo; un giovanissimo Luigi Allegato; Giuseppe Caradonna futuro ras del fascismo pugliese; servitori dello Stato sconosciuti ai più come i prefetti Giuseppe Franzè, Giuseppe Regard e Samuele Pugliese che agirono per far sì che nella Rossa Capitanata tornasse tranquilla e serena l’azione in ogni campo dell’attività.
Dettagli
Formato: cm 16,5x23,5
Pagine: 328
ISBN: 978-88-8431-259-4
Anno di pubblicazione: 2008

Argomenti:  Paesi e territorio  Storia moderna  
Collana:  Terzo millennio

Facebook Twitter
 
Il Carrello è Vuoto.